Viaggiando dalla Corea alla Lombardia, la zanzara coreana sta arrivando anche a Roma!

Questa zanzara della Corea si sta propagando rapidamente in Italia, particolarmente nella zona pedemontana e nella pianura padana ma presto si teme si espanderà in tutto il nostro territorio e in città di grande passaggio, Roma compresa.

Per saperne di più e per conoscere meglio la zanzara detta ‘coreana’, i sintomi e le malattie che può provocare, continua nella lettura di questo articolo.

Zanzara coreana in Italia

Questa particolare zanzara nasce e si diffonde in Corea, Giappone, nel Nord della Cina e in alcune zone della Russia ma da qualche tempo è sbarcata in Italia probabilmente tramite viaggi aerei e secondo gli scienziati una via d’elezione sarebbe stata l’aeroporto di Orio al Serio di Bergamo.

Ovviamente da lì si è poi propagata in tutta la Lombardia, in gran parte del Nord d’ Italia, e ora tende a estendersi verso la zona meridionale del nostro Paese da Roma in giù ricercando habitat sempre più adatti.

La comparsa involontaria di specie di animali fuori dal loro territorio originario è un fenomeno sempre più diffuso, che conosciamo bene per esempio tramite la famosa ‘zanzara tigre’ che dall’Asia si è poi diffusa in Europa.

La particolarità della suddetta zanzara ( nome scientifico Aedes Koreicus) è quella di essere stata trovata in zone italiane con condizioni climatiche non adatte generalmente ad una zanzara, che per sopravvivere solitamente cerca un clima mite e umido mentre in questo caso, la nostra amata zanzara tollera benissimo le basse temperature e anche altitudini elevate.

Quindi prepariamoci a gestire questa zanzara anche in inverno! 

Zanzara coreana Roma: ecco alcune cose da sapere

Puntura e sintomi

La zanzara Aedes Koreicus ha dimensioni più grandi rispetto alla zanzara tigre, è scura e ha delle striature chiare sul torace ma non possiede la linea bianca longitudinale che la zanzara tigre ha sul dorso. 

Solitamente vive e punge di giorno a differenza delle zanzare conosciute nel nostro Paese che prediligono il tramonto e la sera.

La sua puntura non provoca reazioni particolari se non il classico prurito, arrossamento e fastidio caratteristici di tutte le zanzare.

Il problema però è che questo insetto può essere vettore di virus patogeni per l’ essere umano e per gli animali. Quindi il pericolo è che la zanzara della Corea provochi malattie infettive serie e gravi.

I ricercatori evidenziano l’importanza di studiare e indagare sulle zanzare aliene invasive e di intensificare queste ricerche al fine di evitare la trasmissione di gravi patologie infettive che ora elenchiamo.

Zanzara coreana malattie

Questo insetto che viene dalla Corea può trasmettere malattie esotiche come la Febbre del Nilo, l’encefalite giapponese, la filariasi linfatica, la filariosi canina e la dengue.

 

  • Febbre del Nilo: nelle fasi iniziali è asintomatica ma poi provoca febbre, mal di testa, nausea, vomito e nei casi più gravi può sviluppare problemi neurologici.
  • Encefalite giapponese: colpisce più spesso i bambini e porta a sintomi simili ad un’ influenza ma nei casi più seri porta a encefalite con mal di testa importante, febbre, vomito, convulsioni e coma.
  • Filariosi linfatica: la zanzara trasmette dei parassiti nel sangue umano producendo larve. Sintomi: febbre, mal di testa, brividi, astenia, ascessi.
  • Dengue: malattia infettiva che provoca febbre, mal di testa acuti, dolori importanti alle articolazioni e ai muscoli, nausea, vomito, irritazioni alla pelle.

Abbiamo parlato della zanzara coreana, dei rischi che comporta e di come riconoscere sintomi di malattie che può trasmettere. 

Ecco quello che non teme la zanzara coreana: la temperatura bassa e ciò purtroppo non aiuta a combatterla. Essendo attiva tutto l’anno e avendo un’ottima capacità di dispersione favorita dal clima e dagli spostamenti di persone e merci ci aspettiamo un incremento del suo sviluppo in città come Roma e tutto il sud Italia.

Zanzara coreana come combatterla

Ad oggi, il miglior modo di combattere questa zanzara è la prevenzione che significa andare a ridurre il più possibile l’esposizione alle punture di questo insetto.

Quindi è opportuno proteggersi dalle zanzare ed evitare che queste si riproducano facilmente. In pratica ecco cosa possiamo fare:

  • Non lasciare vasi e recipienti con acqua stagnante all’aperto
  • Installare zanzariere
  • Trattare i tombini con larvicida
  • Usare repellenti per zanzare

In caso di infestazione contattare una la nostra ditta specializza in disinfestazione da zanzare a Roma.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *