Se ti chiedi come effettuare la pulizia della piscina, probabilmente ti sei armato di pazienza e buona volontà ma ti manca qualche informazione su quali siano i prodotti e i migliori metodi per farlo.
Sicuramente desideri vedere la piscina della tua casa in ordine, con acqua limpida e trasparente. Non è complicato ottenere questo risultato ma bisogna seguire i passi giusti che ti indicheremo in questo articolo.


Come pulire la piscina: i metodi

Kit pulizia piscina: inventario prodotti

Prima di iniziare qualsiasi intervento, dovresti accertarti di possedere il kit pulizia piscina adatto. Quali prodotti e strumenti include?
Potresti dover acquistare, anche in base alle condizioni della piscina, un retino da superficie e uno da fondo, una spazzola da parete, una scopa aspira fango, un manico telescopico, un tubo galleggiante.
Alcuni preferiscono utilizzare un pulitore elettrico professionale per piscine. Potrebbe essere un buon aiuto, ma il costo si aggira sui 2000 euro e non esclude altri tipi di interventi. Esistono anche robot per la pulizia del fondo piscina più economici.


Pulizia piscina da dove iniziare

Inizia con un retino da superficie ad eliminare il più possibile i residui di foglie o altro che si trovano in acqua. Questa semplice operazione andrebbe effettuata molto spesso, possibilmente almeno una volta al giorno. Questo ti semplificherà la manutenzione straordinaria.
Successivamente, prendi la spazzola da parete e inizia a passarla con forza su qualsiasi superficie, inclusi gradini e scalette. Accertati che il tipo di spazzola sia adatta al materiale utilizzato per effettuare il rivestimento, altrimenti potresti recare dei danni.
Pulizia fondo piscina con aspiratore.

Se hai optato per un aspiratore per piscine, ti consigliamo di acquistarne uno robotizzato che si muove autonomamente sul fondo aspirando la sporcizia. Solitamente è un modello abbastanza economico.

Altri modelli in vendita, più professionali e dispendiosi, richiedono l’installazione di un particolare sistema di filtrazione e maggiore attenzione ed esperienza nell’utilizzo.

Per effettuare l’installazione, fissa al palo telescopico la spazzola aspirante e accertati di seguire tutti i passaggi indicati nel manuale di istruzioni della casa produttrice. Infine, passa all’azione aspirando il fondo della piscina come faresti con un’aspirapolvere in casa, senza dimenticare nessun punto e angolo.


Pulizia filtri piscina

Uno dei filtri principalmente utilizzati è quello a sabbia, tramite il quale l’acqua viene purificata da insetti, foglie e altri residui grazie al passaggio nella sabbia.
Potrebbe essere necessario pulirlo ogni due settimane nella stagione estiva. L’intervento da eseguire è il controlavaggio, ossia un lavaggio inverso in cui l’acqua passa per il filtro in senso contrario espellendo qualsiasi residuo depositato all’interno. Non eseguendo questa operazione in maniera costante ed efficiente, potresti dover cambiare la sabbia all’interno del filtro una volta all’anno.

Nel caso in cui la tua piscina possieda invece un filtro a cartuccia, accertati che funzioni dalle 8 alle 10 ore al giorno e provvedi alla pulizia della cartuccia sia internamente che esternamente in maniera regolare. Nel caso in cui la piscina sia particolarmente sporca, potrebbe essere necessario lasciare in filtro in funzione per qualche giorno senza interruzioni.


Mantenimento livelli chimici adeguati

Il mantenimento del corretto livello di ph e disinfettanti presenti nell’acqua è fondamentale per eliminare proteggere la propria salute e di coloro che usano la piscina, oltre che per garantirne una perfetta pulizia.

È necessario fare dei test costanti per verificare che il ph sia tra 7,2 e 7,6, altrimenti l’acqua potrebbe essere eccessivamente acida o basica.
Spesso, quando il livello è troppo alto, può essere dovuto alla temperatura dell’acqua (anch’essa da controllare regolarmente), al caldo, al numero di persone in acqua o causato da alcuni prodotti che utilizzi per la disinfezione. In tal caso, le proprietà disinfettanti del cloro potrebbero perdere di efficacia, quindi, bisogna intervenire per abbassare il ph.


Cloro per piscina in pastiglie come usarlo

Per evitare che il cloro galleggi o si attacchi alle pareti, bisogna seguire attentamente le istruzioni del fornitore del prodotto.
Il cloro stabilizzato è maggiormente resistente agli agenti atmosferici e al calore del sole, con conseguente maggior durata. Generalmente una pastiglia di cloro igienizzante è sufficiente per coprire due metri cubi di acqua.


Come pulire la piscina fuori terra

Anche per quanto riguarda la pulizia delle piscine fuori terra, alcuni passaggi sono simili a quelli già indicati per quelle interrati. Tra queste la pulizia quotidiana con retino della superficie e l’utilizzo del cloro con l’uso del floater, un piccolo strumento per misurarne la quantità presente nell’acqua.

Settimanalmente è necessario pulire filtri, pareti (sempre con spazzola adatta), fondo e rimuovere le alghe che potrebbero formarsi. Quest’ultime, per essere eliminate, potrebbero necessitare di un trattamento specifico.

Regolarmente bisogna effettuare una pulizia profonda, in particolar modo a fine stagione.

Questa include il lavaggio anche della parte strutturale, con prodotti appositi o soluzioni di acqua e aceto, volta anche ad eliminare batteri e microorganismi presenti. 


Quando rivolgersi ad una ditta specializzata

Come avrai notato, pulire la pulizia perfettamente, mantenendo i giusti livelli chimici dell’acqua, eseguire la manutenzione dei filtri e molti altri piccoli interventi necessari, non è un gioco da ragazzi.
Richiede impegno, i giusti prodotti, professionalità, costanza, tempo e anche abbastanza denaro.
Ecco perché spesso molti proprietari di piscine preferiscono rivolgersi ad un’impresa del settore che possa occuparsi regolarmente di tutto lasciando loro solo il piacere di un bagno rinfrescante e di una piacevole nuotata. Se ti è piaciuto questo post condividilo sui tuoi social oppure se preferisci dai uno sguardo al nostro servizio di pulizia piscine a Roma.

 

Hai bisogno di un intervento sulla tua piscina? Chiamaci ora

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *