Come fare la sanificazione? Alcuni pensano che detergere sia uguale a sanificare ma non è corretto, perché anche se è possibile eliminare i batteri patogeni sulle superfici, con i detergenti non sono in grado di uccidere gli agenti virali e fungini.

I sanificanti invece sono formulati con più principi attivi, che permettono di eseguire in un solo passaggio le due operazioni di pulizia e disinfezione.

Come fare la sanificazione da soli “fai da te”

Non è detto che non sia possibile occuparsi in autonomia della sanificazione di un ambiente, tuttavia occorre conoscere nel dettaglio quali siano i migliori prodotti sanificanti e occorre anche sapere come diluirli.

La tecnica spray è adatta per le superfici oppure si può usare anche una pezza inumidita con il sanificante. La domanda però è: come fare a sanificare anche le parti difficilmente raggiungibile con lo spray o con il panno?

Dovete sapere che il Covid-19 così come altri batteri si infiltrano con estrema facilità in posti impensabili dove è veramente difficile debellarli con questi metodi, soprattutto se stiamo parlando di un locale ad uso pubblico come bar, ristorante, negozio o ufficio.

Come fare la sanificazione di un locale o negozio

Per essere davvero efficace raccomandiamo l’uso di macchinari specifici come quello a vapore oppure con un nebulizzatore. Questi tipi di macchinari per sanificare vanno usati insieme a prodotti sanificanti professionali per essere davvero efficaci.

Inoltre dovete valutare anche il costo di acquisto del macchinario e dei prodotti. A conti fatti potrebbe essere più conveniente rivolgersi ad una ditta di sanificazione certificata che, dopo aver effettuato l’intervento, vi rilasci anche una certificazione valida.

Prendete in considerazione anche le tempistiche, mi spiego meglio: dovrete formarvi per usare il macchinario scelto (vapore, ozono o nebulizzatore), dovrete prendervi del tempo che valutare quali sanificanti usare, capire come usarli e in quali quantità e così via.

A conti fatti potrebbe essere davvero anche più conveniente rivolgervi a professionisti del settore.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *