Nel post di oggi vedremo come eliminare le blatte. Se hai scoperto che la tua casa o il luogo dove lavori è infestato dalle terribili blatte, NON aspettare e attivati subito per eliminarle.

Le blatte o gli scarafaggi, infatti, oltre ad essere insetti disgustosi associati alla scarsa igiene, possono davvero essere pericolosi e diffondere salmonella, tifo, allergie gravi e attraverso gli escrementi che lasciano, diffondere batteri e virus che scatenano gastroenteriti e altre infezioni. Cosa fare dunque se vogliamo eliminare le blatte?

Innanzitutto è fondamentale saperle riconoscere dal momento che solo qui in Italia ne esistono di diverse specie.

Questi insetti, infatti, possono essere di colore sia rossastro che marrone, avere uno scudo tondeggiante o allungato e se alcune strisciano o si arrampicano, altre possono compiere brevi voli.

Trovano il loro habitat in luoghi sia umidi che asciutti, a secondo della loro specie, ambienti come cucine ma anche bagni, controsoffitti e tubature.

Per questo motivo per eliminarle sono necessarie specifici interventi, che agiscano in base al loro comportamento e tempi di riproduzione.

È necessario poi chiarire che esistono rimedi naturali per eliminare gli scarafaggi e soluzioni fai da te, ma che in caso di forte infestazione, è fondamentale ricorrere ad un’azienda specializzata nella deblattizzazione e affidarsi a seri professionisti che sceglieranno le soluzioni più idonee..

Come eliminare le blatte in casa

Prima di chiedersi come debellare le blatte è utile sapere quali condizioni favoriscono l’infestazione di blatte in genere.

  • Scarsa igiene e residui di cibo
  • Fessure di muri o crepe
  • Tubature che raggiungono scarichi e lavandini 
  •  Serpentine elettriche di frigoriferi, microonde, lavatrici etc.

La pulizia e l’igiene accurata, sono la prima regola per tenerle lontano dalla nostra casa.

Ma che fare se infestano i nostri appartamenti o cantine?

Non è detto che si veda da subito l’insetto adulto; per capire se ci sono nidi nascosti in cartoni, retro degli elettrodomestici o addirittura nel legno dei mobili, occorre osservare la nostra casa.

Attenzione: se notiamo dei granelli piccolissimi simili a polvere di caffè, forse tra le fughe delle piastrelle, allora abbiamo individuato i loro escrementi. Vuole dire che abbiamo blatte in casa e il luogo più gettonato è sicuramente la cucina perchè sono ghiotte di qualsiasi residuo di cibo.

Dove si nascondono le blatte e da dove escono?

Le blatte e gli scarafaggi possono nascondersi di fatto ovunque. Nel corso degli anni la mia ditta di disinfestazioni a Roma ha riscontrato che gli scarafaggi possono intrufolarsi in casa in modi anche impensabili.

Le blatte sono attratte molto dalla cucina di casa perché da un lato trovano un ambiente caldo e umido e dall’altro trovano cibo per sfamarsi. Basta una fessura in un muro o la risalita dalla tubatura dell’impianto idraulico ed ecco che il gioco e fatto.

Abbiamo trovato scarafaggi anche all’interno di garage, soffitte, magazzini e cantine. Da considerare anche che spesso le blatte e gli scarafaggi si nascondono anche sotto gli elettrodomestici come forno e frigo a motivo del calore che viene emanato dalla resistenza elettrica.

Come eliminare le blatte con rimedi naturali: 

Ecco alcuni rimedi naturali per sterminare le blatte e a basso costo 

Alloro

Gli scarafaggi o blatte detestano l’odore di questa pianta aromatica e scappano subito. Un buon rimedio è quello di disporre dei mazzetti di queste foglie sparse per i punti sospetti.

Erba gatta

Anche questa erba, dà fastidio alle blatte; spargerla per angoli della casa o dei terrazzi può tenerle lontano.

Cipolla e acido borico in polvere:

  • Si è rivelato un rimedio seppur a basso costo davvero efficace.
  • Il consiglio per allontanare le blatte è creare una sorta di pasta aggiungendo ad una  
  • Tazza di farina e acqua, mezza cipolla tritata, un pizzico di zucchero e 3 cucchiai di 
  • Acido  borico in polvere.

Una volta mescolato il tutto, inserire la poltiglia in piccoli contenitori, come i tappi  delle bibite e distribuirli per casa.

Borace

Un ingrediente di facile reperibilità, poiché serve per creare saponi.

Anche in questo caso, distribuitelo in scatolette nei punti sospetti, e comunque zone come fessure, angoli bui e umidi, nei cassetti di mobili in legno; Basterà che le blatte vi cammini sopra per distrarsi e ucciderle.

Bicarbonato e zucchero:

Forse il rimedio più semplice e veloce.

Preparate una miscela; lo zucchero attrarrà questi odiosi insetti che moriranno mangiando la miscela.

Come distruggere le blatte definitivamente 

Per chi non gradisce i rimedi naturali, ma spera di uccidere le blatte in poco tempo e con metodi fai da te, si possono acquistare insetticida spray specifici e su indicazione del venditore spruzzare negli angoli sospetti. Ma c’è un però! Nella maggior parte dei casi è difficile eliminare, debellare o distruggere le blatte con sistemi di questo tipo, soprattutto quando l’infestazione da blatte è importante, in tal caso è necessario intervenire con un intervento professionale di disinfestazione batte a Roma.

Ne esistono in preparazione pronte all’uso ed altre, più potenti da diluire con acqua.

Se optate per queste soluzioni, ricordare di tenere sempre in luogo protetto al sicuro da bambini.

Oppure, sempre su indicazione di professionisti, si possono acquistare trappole con veleni specifici spesso integrate da trattamenti che vengono iniettati attraverso siringhe.

Il tutto prevede un protocollo specifico, che può essere ad uso domestico solo in particolari percentuali e per interventi non professionali.

Come evitare che le blatte possano tornare

Ci sono degli accorgimenti davvero importanti da non trascurare.

Abbiamo già spiegato quanto sia importante non sottovalutare mai la necessità di intervenire tempestivamente e mantenere i locali puliti e in ordine.

Dopo aver sanificato gli ambienti in base alle scelte fatte, sarà fondamentale seguire alcuni accorgimenti.

Sigillare eventuali fessure e crepe

  • Chiudere con tappi i lavandini se abbiamo avuto problemi con la tubature, versare spesso nel lavandino candeggina o aceto il cui odore copre quello del cibo 
  • Scegliere per lavandino bagni e doccia sifone ad U e mettere sempre il tappo
  • Non lasciare mai cibo in giro per la casa, aspirare quindi quotidianamente gli ambienti, in particolare la cucina
  • Chiudere sempre i sacchetti della spazzatura e gettarli quotidianamente
  • Se puliamo scope e spazzole, buttiamo subito le ciocche di capelli raccolti, poiché ahimè le blatte si nutrono anche così

Quando l’infestazione riguarda attività commerciali uffici o aziende è necessario rivolgersi a professionisti che possano assicurare in poco tempo di uccidere le blatte, le loro uova ed evitare che tornino.

In questi casi sarà necessario un sopralluogo per valutare innanzitutto il tipo di insetto che ha infestato i locali.

Abbiamo già indicato diversi tipi di blatte, quella germanica è solitamente la più diffusa nelle infestazioni di ristoranti, panetterie, esercizi commerciali dove cioè si somministra cibo.

Una volta individuata la blatta, si ispezionano le zone in cui si sono manifestate e si valuta, laddove ci fossero anche le loro uova, di organizzare più interventi cadenzati che possono prevedere rimedi di più tipi.

Alcune aziende, infatti, intervengono su più fronti.

Ci sono trattamenti all’azoto liquido, trappole a feromoni e macchinari che producono una sorta di nebbia velenosa, micidiale per ogni tipo di scarafaggio.

Ogni  disinfestazione sarà effettuata nei locali già perfettamente puliti e sanificati e spesso, a secondo del tipo di soluzione, le indicazioni prevedo di non soggiornare i locali per alcune ore e di non lavare a terra per non inibire i veleni.

In base alla necessità, la deblatizzazione può prevedere più interventi e in ogni caso sarà fondamentale stabilire check up regolari al fine di monitorare la situazione.

Esistono protocolli specifici e diversificati. Si possono avere preventivi per interventi a

  • privati
  • uffici o aziende
  • ristoranti bar dehor 

Leggi anche l’articolo ” tipi di scarafaggi ” per imparare a riconoscerli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *