Nel post di oggi di spieghiamo come derattizzare un giardino. Nel periodo primavera, estate e inizio autunno piace a tutti godersi il giardino ma meglio senza ratti e topi in giro vero?

La presenza di topi nel proprio giardino è una situazione grave e da non sottovalutare.
I topi o ratti, infatti, sono pericolosi per l’uomo, perché portatori di malattie quali la salmonella, la febbre tifoide e la tenia da ratto.

La presenza di una colonia di topi nel nostro giardino, può essere pericolosa, perché i ratti potrebbero arrivare alle nostre cantine, garage, orti e addirittura appartamento.

Oltre ai motivi di igiene e di salute è assolutamente necessario trovare soluzioni se si hanno ratti, perché essendo roditori sono una minaccia reale per i cavi elettrici e possono arrecare danni seri all’edificio in cui viviamo, all’arredamento o indumenti.

Come derattizzare un  giardino?

Se ti chiedi come eliminare o allontanare i topi dal giardino, puoi innanzitutto ricorrere a soluzioni fai da te che possono rivelarsi rimedi efficaci.

Procediamo con ordine per scoprire come rilevare innanzitutto la presenza di ratti in un giardino.

In caso di infestazione potremmo trovare nel terreno delle buche: se queste sono attorniate da cumuli di terra, significa che ci sono talpe. In caso, invece, di buchi scavati non coperti significa che nel terreno ci sono topi.

I buchi in giardino saranno poco profondi e collegati da gallerie rettilinee. In questa situazione bisogna correre ai ripari tempestivamente.

É vero che l’ambiente esterno, quindi orti e giardini possono essere l’habitat naturale dei ratti, ma essendo roditori dotati di denti aguzzi possono letteralmente devastare campi coltivati, piantagioni ed essendo particolarmente prolifici, è necessario allontanarli.

Quali sono i topi che si possono trovare in giardino?

Mentre i topi di città o ratti sono piuttosto grandi e molto pericolosi, in un giardino di una casa in campagna si possono trovare più comunemente il topo di campagna, l’arvicola o il toporagno.
Queste specie seppur da allontanare, risultano meno nocive poiché non vivono nelle fogne ma in zone ricche di vegetazione.

La loro saliva e i loro escrementi diffondono comunque potenti parassiti per cui è importante riconoscerli

Topo comune

Lungo al massimo 10 cm con la coda della stessa misura, si presenta con pelo corto e scuro.

topo di campagna: questo topo è generalmente esile e più piccolo di quello comune, ha la coda e il pelo sempre raso ma chiaro.

arvicola: ha dimensioni consistenti, potrebbe sembrare una talpa, infatti raggiunge i 20 cm di lunghezza con una coda altrettanto lunga, il pelo di un grigio scuro con toni rossastri.

Toporagno:

È il topo più piccolo al di sotto dei 10 cm e ha un colore bruno scuro.

Ratti da fogna

Dedichiamo a parte un paragrafo a questo odioso roditore poiché è grande frequentatore di ambienti come giardini, tetti, garage.

Come derattizzare un giardino con i dissuasori

Al di là dei metodi dissuasori che elencheremo in generale per tutti, in particolare con questo tipo di topo è opportuno ricordarsi di sigillare ogni alimento in contenitori in metallo non addentabile dal roditore.

Se in giardino hai una compostiera ricordati di avvolgerla con una rete metallica a maglie strette per impedire al topo di fogna di intrufolarsi.

In giardino ovviamente saranno presenti dei bidoni della spazzatura, è fondamentale igienizzarli quotidianamente con detergenti all’ammoniaca, sigillare sempre i sacchetti in cui riponi l’umido e sceglierli assolutamente bidoni in metallo.

Come eliminarli ratti e topi da giardini con rimedi fai da te

In commercio esistono dei repellenti facilmente reperibili in negozio di articoli da giardino. Ne esistono di due tipi: chimici o naturali.
Nel caso di un pesticida chimico, il rischio di questa scelta è quella di esporre a pericoli tossici anche terzi che frequentano il giardino come gli abitanti della casa e il nostro cane se ne abbiamo uno.

Dal momento che l’impatto ambientale è forte, si consiglia per allontanare i topi senza effettuare scelte cruente, di ricorrere a rimedi naturali che siano repellenti come:

  • bicarbonato
  • olio essenziale o foglie di alloro
  • olio essenziale o foglie di eucalipto
  • bulbi di narciso
  • canfora
  • pianta di ruta comune

Come fare?

Il bicarbonato

Si può distribuire del bicarbonato nel perimetro del giardino e della nostra casa o dove abbiamo trovato escrementi di topo.
Ha un effetto disabituante, cioè spinge il roditore a cambiare zona e a non tornare.

Una volta ripulita la zona con anche ammoniaca, sarà utile spargere il bicarbonato che, oltre all’effetto dissuasivo, disinfetterà l’area trattata.
Inoltre il vantaggio di questa scelta è di non creare rischi ad animali o persone che stanno in giardino.

L’alloro

Ha una potente azione repulsiva per cui disseminate dei vasi di questa pianta per il giardino o aggiungete dell’olio essenziale a cassetti e mobili

L’eucalipto

Allontana i roditori con la sua tenace essenza e pertanto si consiglia di distribuirlo in prossimità di ingressi, vialetti e sul battiscopa. Questo dissuaderà il passaggio dei ratti dal giardino alla casa.

I bulbi di narciso

Sono un rimedio da considerare se si vuole derattizzare il giardino sempre con un approccio naturalmente sicuro.
Il loro odore risulta davvero disgustoso per i topi ed è un ottimo repellente.
Se scegliamo questa soluzione, ricordiamoci dopo qualche mese, di procurarci nuovi bulbi.

La canfora

Il suo odore è detestato dai topi, per cui si può optare per compresse, olio essenziale o creme da distribuire in zone del giardino e allontanarli.

Pianta di ruta comune

Questa scelta se si vive in una casa con giardino o cascina è una soluzione efficace. È una pianta perenne e longeva e il suo odore non è sopportato dai roditori a cui risulta nauseabondo.
Basterà disseminare intorno alla nostra casa e giardino dei vasi di ruta per creare una potente barriera protettiva.

Ricordiamo però che tutti questi rimedi naturali vanno affiancati sempre da una buona manutenzione del giardino e degli spazi aperti che dovranno essere quotidianamente trattati e sanificati.

Oltre a questi rimedi disseminare trappole per le zone esterne, può rivelarsi utile dal momento che esistono in commercio soluzioni che bloccano l’animale senza ucciderlo.

Al loro interno vengono inserite delle esche alimentari che attraggono e catturano il roditore che in un secondo momento potrai liberare lontano dal tuo giardino.

Queste scatole risultano migliori della scatole con colla che in esterno perdono la loro efficacia quando piove o semplicemente si provvede ad irrigare il giardino.

Lettiera per gatti per allontanare i topi dal giardino

La scelta più vecchia dei tempi rimane proprio quella di far aggirare per il giardino un bel gatto. La natura lo spingerà a cacciare i topi e la sua presenza sarà già di per sé un deterrente per colonie di topi che sceglieranno di proliferare altrove.

Si consiglia di lasciare la sabbia agglomerata alla sua urina in una lettiera in un angolo del giardino.
L’odore acre simile ad ammoniaca allontanerà in modo naturale i topi dal giardino.

Gli Ultrasuoni allontano i topi?

É comunque possibile rafforzare l’allontanamento dei ratti acquistando apposite dispositivi ad ultrasuoni.
Considerati un tempo poco efficaci, oggi invece si stanno rivelando ottimi dissuasori per i ratti in quanto quelle di nuova generazione riproducono contemporaneamente frequenze di più tipi. Tali frequenze risultano fastidiose e disturbanti per il roditore che cercherà altrove un’abitazione.

Abbiamo elencato soluzioni fai da te che prevedano scelte naturali o ausili come trappole.
Possono essere scelte efficaci, ma sicuramente se c’è in giardino una colonia di topi e vuoi provvedere in modo risolutivo, la scelta migliore è quella di rivolgersi ad un’azienda professionista.

Derattizzazione del giardino professionale

Se hai scelto di rivolgerti a professionisti del settore delle derattizzazioni a Roma verrà fatto un sopralluogo.
Il primo passo importante infatti per eliminare i topi, è individuare quali tipo abiti nel tuo giardino.

Ribadiamo in breve che i tipi possono essere:

  • topo comune, molto diffuso e intorno ai 15-20 cm di lunghezza
  • topo grigio, detto anche topo di città
  • ratto nero, più grande dotato di lunga coda e molto pericoloso

Individuare la specie è molto importante al fine di scegliere la tecnica più adatta e solo professionisti del settore possono garantire tale conoscenza.

Si può scegliere di piazzare trappole con esche (scelte appunto in base al tipo di topo si pensi sia presente), oppure di usare sostanze specifiche per eliminare in modo definitivo le colonie di topi.

Importante sapere che durante l’intervento l’impresa segnalerà i punti in cui è in atto la derattizzazione.
Nei tempi che l’operatore indicherà, sono previsti nelle zone trattate dei check successivi e un rinnovo dell’operazione se necessario.

La derattizzazione è fondamentale per eliminare rischi igienico-sanitari e la scelta di affidarsi ad aziende serie e professionali, influirà sicuramente nel buon esito dell’intervento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *